Coerentemente con i principi di sviluppo sostenibile definito dal Rapporto Bruntland del 1987 e dalla Conferenza ONU di Rio del 1992, il centro ha come scopo primario la tutela di un patrimonio ambientale attraverso l'attivazione di interventi e la promozione di forma di cura del territorio, la riqualificazione di elementi di degrado, la conservazione del patrimonio paesistico e la salvaguardia della biodiversità .

Il centro è consapevole del proprio ruolo di soggetto attivo nella gestione del territorio e della propria responsabilità  di azione, in quanto ogni scelta produttiva si riflette sulla qualità  della vita, presente e futura, delle persone che abitano il territorio stesso.
Il campo di applicazione del Sistema di Gestione Ambientale e  Etologico è il seguente:
• Gestione delle attività  agricole
• Gestione delle attività di etologia applicata
Gestione delle attività  didattiche (etologia, ambiente, agricoltura e alimentazione);
Programmazione e pianificazione dei servizi ai clienti;
Realizzazione di progetti finalizzati alla valorizzazione delle risorse del centro ed alla sua fruizione sostenibile;
Comunicazione ambientale, etica e volta al benessere animale (non solo come rispetto della normativa, ma come rispetto delle esigenze etologiche degli animali);
Attività  culturali per l’ambiente, educazione e documentazione ambientale e etologica.
I principi guida della politica dell’Azienda, nell'impegno verso il miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali, lo sviluppo sostenibile e la prevenzione dall'inquinamento, la promozione di pratiche che rispettino il benessere del diverso, sono:
1.Tutelare e conservare le caratteristiche naturali, ambientali, paesaggistiche e storiche del centro e del territorio limitrofo, anche in funzione dell’uso sociale di tali valori.
2.Ripristinare le condizioni ambientali delle aree del centro, concorrendo ad eliminare le cause di inquinamento, di degrado e d’impatto ambientale anche attraverso interventi specifici.
3.Concorrere al miglioramento delle condizioni naturali dell’area.
4.Concorrere per creare ambienti favorevoli all’apprendimento didattico sia dei fruitori che partecipano ai percorsi didattici, ma anche agli animali che vengono educati o rieducati.
5.Essere conforme alla legislazione e regolamentazione ambientale e relativa al benessere animale applicabile, ed in particolare rispettare tutte le prescrizioni legislative e regolamentari di carattere nazionale, regionale e locale, coinvolgenti l’ambiente, sorvegliandone costantemente il rispetto.
6.Migliorare le prestazioni ambientali in relazione agli aspetti coinvolti nel sistema di gestione ambientale, riducendo in maniera progressiva gli impatti ambientali connessi a tali attività , con particolare attenzione alla riduzione degli sprechi di risorse, ai consumi, alla gestione dei rifiuti, all’utilizzo di materie prime, valutando l'opportunità  di ricorrere, ove possibile, a prodotti eco-compatibili, introducendo criteri ambientali nelle forniture di beni e servizi..
7.Adottare le precauzioni e le disposizioni necessarie per prevenire, eliminare o ridurre qualsiasi forma di inquinamento ambientale.
8.Promuovere ed organizzare eventi ei servizi per la fruizione a fini didattici, culturali, scientifici, ricreativi e turistici.
9.Utilizzare il territorio in maniera sostenibile, promuovendo la green economy e intraprendendo azioni di compatibilità  ambientale per la promozione di un turismo sostenibile.
10.Promuovere il senso di responsabilità  ambientale tra i fruitori dei servizi del centro e i consumatori dei nostri prodotti, creare un dialogo aperto con il pubblico, comunicando all’esterno tutte le informazioni necessarie a comprendere gli effetti ambientali delle attività.
11.Promuovere la didattica, le attività  di studio e di ricerca scientifica.
12.Promuovere ogni iniziativa necessaria o utile alla qualificazione delle attività  agricole esistenti.
13.Sostenere le produzioni locali tradizionali che siano compatibili con la valorizzazione e riqualificazione dell’ambiente.
14.Sostenere attività  con gli animali che siano rispettose del ruolo e del benessere psicofisico dell'animale.
15.Promozione e diffusione dell'educazione ambientale e della relazione con l'animale tra i cittadini.
16.Tutelare e valorizzare le specie faunistiche e floristiche presenti nel centro e nelle aree limitrofe, in particolare le formazioni lungo i potenziali nodi di collegamento con le aree SIC (siti di importanza comunitaria) e ZPS (zone a protezione speciale) della fauna selvatica.
17.Programmare interventi di aziendali compatibilmente con le caratteristiche ambientali dei luoghi.
18.Valorizzare l'esperienza pluriennale del Laboratorio di Educazione Ambientale e di etologia applicata, continuando a promuovere iniziative di sensibilizzazione e informazione rivolte alla popolazione, ai cittadini e ai fruitori dei nostri servizi e dei consumatori dei nostri prodotti in particolare per garantire uno sviluppo sostenibile delle attività  antropiche compatibili con la necessità  di tutelare l'ambiente.
19.Rendere disponibile al pubblico la propria politica ambientale.
20.Promuovere forme di mobilità  sostenibile in funzione del centro.
21.Promuovere valori di solidarietà , equità  e partecipazione.
L’efficienza e il mantenimento degli obiettivi raggiunti, in coerenza con la politica ambientale ed etologica del centro, saranno assicurati con metodi di controllo efficaci e sempre attivi. In caso di deviazione da quanto stabilito saranno attivate le previste misure di correzione
Politica del "Centro"