Obiettivi
Controllo della filiera, creando dei modelli locali di sviluppo radicati nella comunità e realmente sostenibili : aumento della produzione di sementi biologiche autoprodotte, scelta di immettere alberi ed arbusti autoctoni che richiedono poca manutenzione e che sono resistenti alle condizioni microclimatiche.
Adozioni di animali d affezione etiche e consapevoli.
Capacità di ripartire dalla cose semplici e dalle relazioni.
Incrementare la componente educativa - culturale - sociale, perché il centro diventi a tutti gli effetti un vero e proprio supporto per le strutture che si occupano del sociale sul territorio.
Etichettature chiare e  trasparenti.
Certificazioni e canali di comunicazione attivabili che consentano di chiarire gli elementi di sostenibilità in modo oggettivo.
Produzione e distribuzione di prodotti e servizi in modo responsabile.
Contribuire ad operare un cambiamento di logica, riducendo o eliminando gli sprechi (energia, rifiuti), attuando strategie alternative per ridurre gli spostamenti con le autovetture e per ridurre l uso di energia elettrica e gasolio.
Previsione precisa degli impatti ambientali che le nostre attività creano sull ambiente del territorio (in particolare sulla salute dei cittadini) e attuazione di strategie di adattamento per gli impatti negativi che l azienda subisce.
Produzione agricola di qualità, sostenendo i prodotti tipici del territorio, i prodotti che meglio si integrano con le caratteristiche ambientali del territorio, l'ecoturismo ed il reintegro di lavori e buone pratiche che consentono il recupero e lo sviluppo di un agroecosistema vario. Ricerca di innovazione che può avvenire dal passato con il recupero di pratiche antiche e reintroducendo l importante opera di animali domestici (asino, cavallo, cani, avicoli).
Produzione di energia di fonti rinnovabili.
Riuso, e riciclo.
Promuovere nuovi stili di consumo soprattutto nelle scelte alimentari della famiglia, animali domestici inclusi.
Promuovere il passaggio di concezione di un prodotto che deve essere utilizzato per un periodo di tempo molto limitato, in una logica di rapida obsolescenza ad una logica di riutilizzo e di lunga vita del prodotto.
Promuovere l idea di un impresa collaborativa, secondo cui va superato il modello competitivo, fonte di tensioni ed elementi critici che hanno determinato le condizioni insostenibili attuali, in favore di un azienda che è capace di creare valore in maniera estesa parte di una rete di confronto e di collaborazioni.
Etica professionale: rispetto delle competenze professionali in ogni attività proposta.
Attività assistiti da animali e lavori da svolgere con la collaborazione degli animali d affezione, mantenendo come priorità il mantenere ai massimi livelli di condizioni di benessere degli animali, creando loro "paddock paradise" e strutture adeguate alla loro accoglienza, percorsi di esplorazione.
Promuovere sul territorio tavole rotonde e convegni che coinvolgano esperti di alimentazione, soprattutto per i più giovani e per l alimentazione degli animali d affezione cani e gatti.