Metodi
MATERIALI E METODI

Si cerca di coniugare l’ecologia e l’etologia con la psicologia attraverso la “RICERCA- AZIONE” e l’INDIVIDUALIZZAZIONE DEI PERCORSI

Attività NEL contesto ambientale

L’osservazione è il principale strumento d’indagine, applicando diversi modelli tra cui quello ecologico, partecipe e attraverso l’ascolto (colloquio e intervista) per sondare la percezione e i concetti del mondo reale Il ricercatore deve eliminare ogni teoria preconcetta e qualsiasi ipotesi di lavoro predeterminato, facendosi guidare dagli eventi e registrando ogni cosa in modo estremamente preciso con diverse tecniche. La prima fase di lavoro consiste nell’accurata osservazione  anche di comportamenti molto semplici e in una seconda fase si possono effettuare delle previsioni di uno stesso soggetto in tempi successivi. L’uso intensivo di strumenti di registrazione da parte del ricercatore, ma anche del soggetto attivo che deve prendere consapevolezza delle dinamiche della relazione tra sé e l’animale.

Attività SUL  contesto ambientale

Il ricercatore in questa fase deve costruire in modo condiviso con l’interlocutore umano gli elementi chiave per comprendere le azioni e prenderne consapevolezza. E’ importante che l’interlocutore comprenda attraverso azioni e stati emotivi il come agire in quel momento e quel contesto.

Attività  PER il cambiamento

Il ricercatore in modo condiviso all’interlocutore insieme perseguono, pianificano e creano delle azioni di cambiamento.